DETTAGLI DIMENTICATI?

Diritti e tutela per gli omicidi e le lesioni stradali gravi o gravissime

Osservatorio Onvos

In un panorama di incertezza, dove la richiesta di assistenza  e la conoscenza specifica dei propri diritti è sempre più vacillante, è stato creato l’Osservatorio ONVOS

Il supporto di un professionista

L’importanza di sentirsi consigliati, supportati in un momento di così grande emotività è l’obiettivo della ONVOS.
Ogni incontro avrà come suo centro la persona, le sue esigenze.

In cosa consiste la prima consulenza gratuita

  • conoscenza e certezza dei propri diritti previsti dalla legge, nell’ambito del processo penale e civile;
  • scelta della strategia più idonea al caso concreto, anche in termini di tempistiche;
  • come esercitare, nella maniera più efficace, i diritti che la legge riconosce alle vittime o agli eredi, in sede giudiziale e stragiudiziale;
  • valutazione del possibile quantum di risarcimento.

ONVOS ha stipulato accordi e convenzioni con avvocati penalisti esperti di omicidio stradale e lesioni gravi o gravissime ed altamente specializzati nella materia, su tutto il territorio italiano. Un legale esperto in omicidio stradale o lesioni gravi o gravissime, rappresenta una garanzia per la vittima o i familiari.

Le convenzioni e gli accordi prevedono che i familiari e le vittime, non anticipino alcuna spesa e non abbiano costi del procedimento, sia in sede giudiziale che stragiudiziale, potendo contare anche su un supporto psicologico, costante, che ONVOS offre.

Per  contatti e informazioni chiamaci al nostro Numero Verde Gratuito

 

Le Ultime Notizie

investito ciclista: un arresto „ Si chiamava Deda Bexhet, il ciclista albanese di 26 anni, travolto e ucciso da un’automobile nel comune di Giugliano in Campania. R.G., 24 anni, incensurato ha dichiarato alle forze dell’ordine di essere rimasto scosso per quanto accaduto e di essere tornato sul luogo dell’incidente dopo 20 anni. Tale versione, al vaglio degli inquirenti, è però
Un ventiquattrenne investe 3 ciclisti albanesi che stavano andando al lavoro nei campi nel Napoletano e fugge: uno, Deda Bexhet, 26enne, muore e gli altri due finiscono in ospedale. L’investitore poi si ferma, ma solo per cambiare uno pneumatico dell’auto risultata con motore truccato. I carabinieri identificano e arrestano il pirata dal carrozziere dove si

Quando guidi, guida e basta

L’Avvocato Piergiorgio Assumma, Presidente dell’Osservatorio Nazionale per la tutela delle Vittime di Omicidio Stradale “ONVOS”:  “Spesso e volentieri l’elemento della distrazione umana è tra le prime cause di incidente. Distrazione che può essere provocata da un colpo di sonno, dall’uso del cellulare, quest’ultimo tra le primissime cause di incidente, o dalla mera distrazione. Un comportamento
da Leggo.it Nel 2017 le vittime di omicidio stradale sono state 3.378. Piergiorgio Assumma, presidente dell’Osservatorio Nazionale per la tutela delle vittime di omicidio stradale (Onvos), non ha dubbi: «L’incidente sulla A14 ci pone nuovamente di fronte alla problematica della distrazione alla guida, come causa principale degli incidenti stradali e dei relativi omicidi stradali. Infatti, molto probabilmente, l’incidente

Dicono di Noi - Rassegna Stampa

ANSA Incidenti stradali: nasce Onvos, Osservatorio per le vittime Supporto legale familiari e monitoraggio legge omicidio stradale (ANSA) – ROMA, 24 MAG – Monitorare l’applicazione della recente legge sull’omicidio stradale e tutelare le famiglie delle vittime, con un team di legali specializzati che forniranno una prima assistenza gratuita e consigli primari per ottenere giustizia e
TORNA SU